Condominio e uso dei beni da parte del singolo

Torna all’elenco sentenze

Condominio e uso dei beni da parte del singolo

Corte di Cassazione, Sezione II Civile, Sentenza 19 settembre 2011, n. 19205

Massima: Il singolo condomino è consentito servirsi in modo esclusivo di parti comuni dell’edificio soltanto alla duplice condizione che il bene, nelle parti residue, sia sufficiente a soddisfare anche le potenziali, analoghe esigenze dei rimanenti partecipanti alla comunione e che lo stesso, ove tutte le predette esigenze risultano soddisfatte, non perda la sua normale ed originaria destinazione, per il cui mutamento è necessaria l’unanimità dei consensi.

Sentenza per esteso e commento